giovedì 23 dicembre 2010

"Lolly Willowes" di Veruska

Con le parole stesse dell'autrice, presentiamo il primo pattern internazionale di una nostra amica e designer di uncinetto, Veruska.
Finalmente ho pubblicato Lolly Willowes (Lolly Willowes su Ravelry), il mio primo pattern commissionato da un cliente internazionale. Si tratta di guanti senza dita lavorati all'uncinetto tunisino in un pezzo unico, in piano, sagomati tramite una serie di aumenti e diminuzioni, in modo da essere ben calzanti e non lasciar passare il freddo. La mano è cucita sul lato, il polsino e il braccio sono chiusi con dei bottoncini. I punti usati sono quelli base del tunisino: maglia tunisina semplice, dritta e rovescia.Questo è un buon pattern per chi ha imparato le basi del tunisino e vuole metterle in pratica creando un accessorio alla portata delle proprie capacità e che insegni anche qualcosa in più, come gli aumenti multipli interni ed esterni.
Lolly Willowes, che dà il nome ai guanti, è la protagonista di un romanzo di Sylvia Townsend Warner. Apparentemente una zitella mite, un bel giorno decide di prendere baracca e burattini e godersi la sua vita di donna autonoma acquistando un cottage in mezzo alla campagna inglese e vivendo dei frutti del suo orto, diventando una specie di strega, una figura potente, saggia e ricca di saperi. E come nella tradizione, un bel giorno arriva anche il suo amante... Come lei, questi guanti sono pratici ma allo stesso tempo hanno una propria personalità.
Traveller, la lana utilizzata, è una pura merino molto elastica. Laddove il punto non è elastico, il filato dà un po' di gioco all'accessorio. La combinazione dei colori del filato è elegante: in teoria blu pavone, nero, marrone testa di moro e svariati tipi di verde non dovrebbero armonizzare tra di loro, eppure Sanguine Gryphon è riuscita nell'impresa. Attenzione a lavare questa lana separatamente, perché perde moltissimo colore.

2 commenti:

Gatta ha detto...

Succede che ti capiti una giornata storta, che lavori non troppo lontano da Paolo Sarpi, che una tua amica ti chieda dei wristwarmers un po' particolari, che tu segua attivamente questo blog e che abbia tanta tanta voglia di provare l'uncinetto tunisino.

Shakera bene tutti gli ingredienti e ti ritrovi con la lana Lima di Rowan (splendida!), l'uncinetto tunisino nuovo e il pattern nella library di ravelry...
E la tua giornata migliora.
E non vedi l'ora di arrivare a casa per provare :)

Grazie mille!

Veruska ha detto...

Ciao Gatta, grazie per l'entusiasmo! Sono contenta di essere stata parte di un risollevamento di umore!

Poi fammi sapere come va col tunisino: è una tecnica semplice (almeno i punti base), ma il pattern Lolly Willowes è per chi è già un po' pratica, quindi ti consiglio di fare qualche campioncino con una lana da poco, giusto per prendere la mano.
Poi, se ti servono chiarimenti sul pattern, mi trovi su Ravelry o qua:)